NEWSLETTER

Inserisca la Sua e-mail ed si iscriva alla Newsletter per essere sempre aggiornato sulle iniziative di C.I.F.A

 

NOME

 

E-MAIL

 

facebook

www.facebook.com/luigi.martinengo.3

 

YOU TUBE

www.youtube.com/my_videos?o=U

 

web

www.hatsmartinengo.it

 

 

 

33 anni di vita, curricula dell'associazione CIFA - AMIS del CAPE'


     la pubblicazione "parziale" del curricula è stata doverosa in quanto ormai dal 2014 ... appaiono disinformazioni, sull'attività FATTA dall'associazione e MAI riconosciuta dall'ente pubblico e quindi dagli stessi media su tale disinformazione, tale va CORRET TA sui social network e sul webb .

quindi la pubblicazione "parziale" del curricula è doverosa .

Abituati da oltre 3 decenni a FARE e non a delegare, a tempo debito e riconosciuto anche finanziaria mente saremo ancora protagoni sti nel mondo della cultura ales sandrina ....
Nel 1984 fu creato con rogito notarile il centro culturale onlus CIFA1984 AMIS del CAPE’, iscritto a norma di Legge a tutti gli Albi locali, regionali, nazionali del volontariato no profit e onlus di Legge, associazione idealmente nata per valorizzare la città di Alessandria capitale mondiale all’ IDENTITA’, STORIA, RADICI del cappello realizzandone due eventi tutt’ora in corso : salone internazionale arte fotografa “ il cappello nel mondo ” ® Premio Presidente della Repubblica italiana che per ben 2 volte consecutive ha ricevuto l’ Haute Patronage de l’ UNESCO, e il *** concorso internazionale dell'alta moda creativi del cappello femminile ® UNICO ancora ad OGGI in Italia !!!! .
Da qui con il sostegno morale a 360 gradi di Giovanna Raisini Usuelli Borsalino lunghe battaglie con l’ente pubblico, sino a divenirne vincente con la riapertura del Museo del cappello e da li l’inizio di eventi espositivi di onlusCIFA1984 AMIS del CAPE’ negli spazi del museo del cappello. Durante gli eventi espositivi Ospiti illustri del mondo della cultura e della politica: Spadolini …, della scienza: Levi Montalcini …., il Ministro della cultura della Città del Vaticano Arcivescovo Marchisano, della fotografia con prestigiosi click dek “ guru ” dell’Alta Moda, uno per tutti: Giovanni Gastel …, transitati su invito dello scrivente nelle sale di oggi Museo aperto pomposa mente dalla giunta operante nel 2006 con le autorità di allora e della stessa proprietà
aziendale che nelle nell’ oratorie mai si sono ricordati e dimenticandosi bellamente dei decennali sacrifici del C.I.F.A. a favore della riapertura delle sale espositive ! La STORIA di ieri ci ha portato ad avere rapporto con i sindaci di allora Magrassi, Barrera, Mirabelli in particolare con l’allora Assessore alla Cultura Gianluca Veronesi che da LUI l’associazione ha avuto l’imput di Fare conoscere l’ IDENTITA’ alessandrina per il mondo!
Grazie al suo intuito si è creata la manifestazione e che oggi è un punto di riferimento culturale internazionale riservato all’ Arte FOTOGRAFIA non solo per aver dato alla luce “ il cappello nel mondo ” ® , ma per aver posto le RADICI per manifestazioni, mostre, convegni che hanno lascia to un SEGNO nel l’arco degli anni.
Sono stati gli anni, una decina, in cui le opere del salone e del concorso internazionale di fotografia venivano esposte nella allora museo del cappello e sala campioni dell’azienda alessandrina sempre in sofferenza con quel periodo, da allora ben cinque cambi di proprietà aziendale, e come sempre il centro culturale in questi travagli e tutt’ora è “ nemo profeta in patria ” Ai primi anni del nuovo secolo creò un EVENTO unico del genere in Italia : Salone interna zionale creativi e modiste del cappello femminile ® un successo da subito, partecipazione di creativi del settore dell’ ALTA MODA femminile dei prestigiosi con riconoscimenti da parte del creativo della Regina Elisabetta, Steve Jones, dell’editore inglese di the HAT Magazine vera bibbia del settore M.ss Carole Dendford, facendo “ incontrare ” l’evento e farlo conoscere a personaggi del calibro mondiale e tipo : Boselli allora presidente della Camera della Moda italiana ..., Christine Lagarde, Scuratvski, Sekaroppulo, Bolomier, Borletti, essere invitati e partecipare al Festival internazionale di fotografia di Moda a Hyeres in Francia, o ai festival du chapeau di Caussade e/o di Chazelles sur Lyon …, ma come molte volte succede NON compreso anche dalla nuova proprietà dell’azienda, ( proveniente dall’esterno e dal mondo finanziario ...), l’ ente pubblico locale, come sempre più attento alle feste delle salamelle, che della cultura ! e NON riconosce l’esperienza acquisita in oltre 30 di attività mondiale, “appoggiandosi” per collaborazioni museali ad una delegazione locale che nel settore del cappello e dell’Alta moda ha MAI avuto a che fare e quindi poco da insegnare agli AMIS del CAPE’ !!!.

**** concorso internazionale dell'alta moda creativi del cappello femminile ®

Il materiale acquisito nel corso degli anni è depositato e esposto e quindi visibile al pubblico al museo del Castello di Piovera.

 

Photogallery

 

       

Torna indietro